Ciao Italian lifestyle lovers,il fascino di Genova -città stretta tra mare e montagna, frammentata tra presente e passato, crocevia di popoli e culture diverse- ha colpito nei secoli scrittori, poeti e cantautori, che nei loro versi hanno raccontato la sua bellezza, i suoi contrasti, la sua anima nascosta.

Un punto di vista privilegiato per ammirare la città dall’alto sono le Torri della Cattedrale di San Lorenzo: 5 minuti di salita a piedi lungo scale centenarie per raggiungere la torre loggiata ed esplorare con lo sguardo i tetti del centro storico.

Genova tra arte, storia e street food.

Uno sguardo sulla città dalle Torri della Cattedrale

 

Ma per scoprire la Genova più autentica dovete camminare a piedi nei carugi del centro, percorrere le creuze che salgono dal mare verso la collina e perdervi tra le vie e le piazze della città vecchia su cui si affacciano palazzi signorili e chiese antiche.
Non è un caso che una vasta parte del centro storico, uno dei più grandi d’Europa, sia stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Imperdibili i Palazzi dei Rolli (@palazzideirolli) le bellissime residenze della nobiltà genovese che tra Cinquecento e Seicento offrivano ospitalità ai personaggi illustri di passaggio in città.
Le dimore -più’ di cento-che la Repubblica di Genova aveva destinato a tal scopo erano inserite in appositi elenchi, i “Rolli degli Alloggiamenti pubblici”, che venivano aggiornati periodicamente.
Una passeggiata tra via Balbi, via Garibaldi, via Lomellini e via San Luca vi farà’ scoprire palazzi meravigliosi, testimonianze di un passato ricco che ha fatto dell’ospitalità un vero e proprio modello culturale.Genova tra arte, storia e street food.Il Palazzo di Angelo Giovanni Spinola in Via Garibaldi 5

 

Il centro storico genovese racchiude autentici quartieri gioiello come il Carmine.
Salendo tra le creuze e allontandosi dai rumori del traffico ci si immerge in un mondo dove il tempo sembra essersi fermato.
Tra case colorate, chiesette antiche, alberi di olivo, panni stessi e gatti pigri si scoprono piazze e vicoli dai nomi curiosi: Piazza della Giuggiola, Piazza dell’Olivella, Vico del Cioccolatte, angoli che esprimono tutto il fascino silenzioso della vecchia Genova.

Genova tra arte, storia e street food.

Piazza dell’Olivella, nel Quartiere del Carmine

Genova tra arte, storia e street food.Piazza della Giuggiola, nel Quartiere del Carmine

Ma nel centro storico si trovano anche negozi unici come il lifestyle store Via Garibaldi 12 ( @viagaribaldi12 )tappa fissa per gli amanti del design e degli oggetti d’arredo, ospitato in un meraviglioso palazzo del Cinquecento, dove stucchi, affreschi e colonne in marmo creano un piacevole contrasto con le linee moderne degli oggetti in vendita.

Genova tra arte, storia e street food.Un angolo del lifestyle store Via Garibaldi 12

Una vera “chicca” nel cuore del centro è Paccottiglia (@paccottiglia), concept store che “custodisce storie e cose da portare a bordo”, oggetti dal design unico e insolito, abiti e pezzi di arredo imperdibili.
Qui potete trovare i “piatti parlanti” per scattare foto in perfetto stile “instagrammabile”.

Genova tra arte, storia e street food.I “piatti parlanti” di Paccottiglia

Genova tra arte, storia e street food.Fritto misto di pesce fronte mare… cosa chiedere di più?

Non potete lasciare Genova senza aver assaggiato la panera, un semifreddo al caffè il cui nome deriva dalla contrazione in lingua genovese di panna nera, in riferimento al cambiamento di colore della panna in seguito all’aggiunta della polvere di caffè.

Imperdibile quella preparata dalla storica Cremeria Buonafede (@cremeriabuonafede) in Via Luccoli che dal 1913 porta avanti la tradizione gelatiera genovese.

Genova tra arte, storia e street food.

La panera preparata dalla Cremeria Buonafede in Via Luccoli

Genova è questo e tanto altro: solo vivendola e passeggiando tra i suoi vicoli potete innamorarvi della sua storia e del suo fascino discreto.

 

Distesa in fondo al suo golfo con la noncurante maestà di una regina… Genova viene incontro al viaggiatore (A. Dumas, 1841).

Genova tra arte, storia e street food.

Romina Condemi

Romina, ligure da sempre, ama tutto ciò che è legato al territorio, alla sua storia e tradizione.Insegnante, laureata in Conservazione dei Beni Culturali e specializzata in Storia dell’Arte Contemporanea, utilizza i social per promuovere l’arte e il patrimonio storico artistico ma anche per valorizzare le bellezze paesaggistiche e i piaceri della tavola. La potete facilmente incontrare di fronte al mare mentre fotografa uno dei suoi “piatti con vista”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello

Overlay Image

×
Back to Top