Ciao italian lifestyle lovers, se siete davvero amanti del Belpaese, una destinazione che non può  mancare nella vostra travel wish list è sicuramente Palermo!

Città meta del “grand tour” dei giovani aristocratici europei nel ‘700, ha conosciuto il suo massimo splendore tra fine ottocento e primi del novecento, nel pieno della Belle Époque! Vi sembra una meta prettamente estiva e adatta al solleone di luglio e agosto? Niente di più sbagliato, perché la città conosciuta come “La felicissima” dá il meglio di sé nei mesi di settembre e ottobre quando in Sicilia è ancora a tutti gli effetti “estate” ma le temperature sono più miti e vi permetteranno di passeggiare in tutta tranquillità per quello che è considerato il centro storico più grande d’Europa!

Sarebbe impossibile elencare il suo immenso patrimonio culturale, io ho visitato Palermo decine di volte e  scopro sempre nuovi tesori nascosti! Quello che vorrei regalare a Voi qui è una lista, certamente non esaustiva, di alcuni dei miei luoghi del cuore! Quel che vi raccomando è di controllare prima di andarci tutti gli orari di apertura e di verificare se in alcuni casi c’è bisogno di prenotare la visita in anticipo!

Merita certamente di aprire la carrellata Palazzo Valguarnera-Ganci  in piazza Croce dei Vespri, nel cui magnifico salone è stata girata la famosa scena del ballo del Gattopardo di Luchino Visconti! Come spesso avviene in questa solare ma al tempo stesso “nascosta” città, dall’esterno può sembrare un normale edificio ma appena varcato il portone si aprirà un mondo che vi svelerà meraviglie degne dei più bei palazzi reali d’Europa!

In un piccolo vicolo della vecchia Palermo, via Bandiera, troverete il Palazzo Alliata di Pietratagliata; la padrona di casa, la principessa Signoretta Alliata Licata di Baucina vi condurrà con grande competenza e simpatia attraverso le favolose stanze dell’avita dimora!

Una chicca nascosta, più defilata rispetto ai comuni percorsi turistici ma assolutamente meritevole di una visita è l’interno dell’eclettica Villa Malfitano, già dimora della Famiglia di imprenditori anglo-siciliani Whitaker!

PALERMO E I SUOI TESORI NASCOSTI

Del patrimonio dell’altra “famiglia reale” di Palermo, i Florio, purtroppo resta ben poco, potete visitare una parte del Villino Florio all’Olivella, costruito in pieno stile Liberty ma la cui maggior parte degli interni sono andati distrutti in un incendio, e a 15 minuti da Palerno Villa Florio all’Arenella, detta “dei quattro pizzi ‘ per via delle quattro Torrette!PALERMO E I SUOI TESORI NASCOSTI

Il conte Federico e la sua Famiglia, discendenti di Federico ll di Svevia, vi daranno il benvenuto nell’omonima dimora di Famiglia, Palazzo Conte Federico, una delle più antiche di tutta Palermo!

Chiudiamo quella che sarebbe un’infinita carrellata con il Palazzo Mirto di Piazza Marina e con le famosissime Casa Professa, Chiesa della Martorana, oratorio di San Domenico e con il convento di Santa Caterina d’Alessandria! Proprio all’interno di quest’ultimo si triva una chicca per i golosi “I segreti del Chiostro”, una pasticceria artigianale che offre le specialità fatte secondo le antiche ricette conventuali!

Siete anche dei fashion-lovers e dopo tanta cultura volete dedicarvi ad un pò di shopping? Via Ruggero Settimo, via Libertà e le strade limitrofe fanno decisamente per Voi! Vi consiglio Giglio per l’alta moda  (ha diversi punti vendita in città, quello “donna” si trova a Piazza Croci), Euphoria per lo chic in chiave palermitana e Torregrossa e Ardizzone tutti in via Libertà, così come gli “internazionali Louis Vuitton, Gucci e Prada! In via Torrearsa date un’occhiata a “ Casa e Putia”“Tacco 12”!

PALERMO E I SUOI TESORI NASCOSTI

Volete fare una pausa ristoratrice in un caffè ? A Palermo c’è solo l’imbarazzo della scelta, ecco alcuni nomi : Antico Caffè Spinnato con due sedi, una in via Principe di Belmonte ; a mio avviso fa il buccellato (tipico dolce Siciliano) migliore della città ; bar Oscar,  Bar Cappello e Pasticceria Costa, in via Maqueda in corrispondenza degli imperdibili “Quattro Canti”! Comunque secondo me l’opzione migliore consiste nel girovagare tra i vicoli e assaggiare quello che più vi ispira!

La sera potete provare Osteria dei Vespri, in piazza Croce dei Vespri oppure fatevi un giro a piazza Marina e in Via dei Cassari, è piena di locali carini e alla  moda come Aja Mola e Gagini! Se preferite la cucina tradizionale palermitana provate Osteria Mangia e Bevi oppure Osteria Ballaró, sempre in centro, mentre per la pizza andate a piazza Magione  da “Ciccio passami l’Olio”!

 

Se volete portare a casa qualche souvenir e ricordi di facciate e chiese a volte diroccate ma bellissime percorrete a piedi le pedonali via Maqueda e Corso Vittorio Emanuele ;qui troverete “souvenir San Giuseppe” (accanto all’omonima chiesa) che è servito da location per famoso video di “Dolce&Gabbana!

Nella stessa via una chicca per bibliofili : la” libreria del corso” sembra dalla vetrina un normale negozio di abbigliamento, in realtà nel “retrobottega” c’è una libreria antiquaria oltre ad una selezione ristretta ma interessante di libri a tema “Sicilia” e, “Palermo”!PALERMO E I SUOI TESORI NASCOSTI

P.S. Se avete la possibilità di stare un giorno in più non fatevi mancare una visita alle straordinarie Catacombe dei Cappuccini (meritano davvero, non c’è niente di simile al mondo !) e ai mercati Vucciria e Ballaró che, anche se non sono più neanche lontanamente come un tempo, possono dare una piccola idea di come dovevano essere negli anni passati!

Se avete voglia di camminare ancora un pò raggiungete la cala dove avrete una splendida visuale sul porto di Palermo!

Claudia Chillé,

siciliana nel profondo ma con un amore per i viaggi e la cultura anglosassone e del nord europa, è cresciuta fin da piccola a pane, moda e lifestyle, avendo la sua Famiglia da sempre negozi nel settore!PALERMO E I SUOI TESORI NASCOSTI
Un paio di anni fa ha iniziato a pubblicare i suoi “diari di moda” su Instagram con lo pseudonimo @granola_lane! Ama definire il suo stile eclettico, alterna influenze  british con il minimalismo scandinavo e l’avant-gard della scuola di Anversa, il tutto condito in salsa italiana e arricchito da un amore per il colore e da un pizzico di estro ed originalità che le è propria!
Appassionata anche di storia Italiana, Siciliana e di libri, adora il genere biografico e nel corso degli anni è diventata da, autodidatta, un’esperta delle Storia e delle Genealogie delle famiglie reali e nobiliari d’Europa e d’Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello

×
Back to Top